Psicopedagogia d.ling. Briganti 2010

"Stanza di lavoro della classe" Forum didattico a cura di Floriana Briganti - corso di Psicopedagogia dei linguaggi, att. didattica aggiuntiva Suor Orsola Benincasa Napoli


    lab. Immagini e arte

    Condividi
    avatar
    Admin
    Admin

    Messaggi : 24
    Data d'iscrizione : 01.12.10

    lab. Immagini e arte

    Messaggio  Admin il Ven Dic 17, 2010 3:43 pm

    lab. Immagini e arte
    inserisci qui il tuo commento del gruppo
    anche se lo stesso ciascuno deve ricopiare l'intervento del gruppo con il suo nome.

    maria esposito

    Messaggi : 27
    Data d'iscrizione : 09.12.10

    Re: lab. Immagini e arte

    Messaggio  maria esposito il Ven Dic 17, 2010 6:27 pm

    Tra le varie immagini viste abbiamo scelto di commentare quella di Botero,perchè mette in evidenza quella che generalmente nella nostra cultura è considerata un'imperfezione di bellezza (l'obesità),a questo corpo molto grande assegna il ruolo di ballerina esempio del corpo in salute, perfetto, armonico. Questo dipinto suscita tanta gioia e dimostra come una persona riesca a comunicare le sue emozioni e il suo talento attraverso la danza nonostante non risponda ai canoni di bellezza assegnati dalla cultura di appartenenza. Quello che mi viene in mente è l'arte futurista che rompe gli schemi del classicismo e fa uso di forme geometriche, triangoli, quadrati, spigoli, che non rappresentano la perfezione (come il cerchio) ma suscitano emozioni, movimento,energia, rappresentano un altro modo di vedere le cose, con gli occhi e con la mente, cambia l'idea di bellezza legata alla perfezione.
    avatar
    Antonella Ariante

    Messaggi : 14
    Data d'iscrizione : 10.12.10
    Età : 30
    Località : Napoli

    Re: lab. Immagini e arte

    Messaggio  Antonella Ariante il Ven Dic 17, 2010 6:36 pm

    Tra i vari artisti che ci sono stati proposti abbiamo scelto Pablo Picasso poichè incarna perfettamente l'idea di diversità in un'epoca in cui i canoni della bellezza erano la sinuosità e la sensualità. Picasso ,invece , evidenzia e deforma ogni parte del corpo, in particolare il viso , e in questo modo esprime il suo concetto di bellezza.La sua scelta nasce anche dal bisogno di trasmettere nelle sue opere i sentimenti piuttosto che la fisicità ,è importante dire che ancora oggi molte donne spagnole tendono a seguire il suo ideale di bellezza.
    avatar
    Roberta De Lucia

    Messaggi : 36
    Data d'iscrizione : 10.12.10
    Età : 30

    Re: lab. Immagini e arte

    Messaggio  Roberta De Lucia il Ven Dic 17, 2010 6:41 pm

    Il quadro che ci ha colpito è stato quello di Botero "La Ballerina alla sbarra". Il pensiero immediato è stato quello di cercare di andare oltre ai limiti che impone la danza classica. Quest'ultima ha sempre evidenziato degli ostacoli oltre ai quali non bisogna andare. Ci piace pensare che il quadro porti il messaggio che anche se la danza pone questi limiti c'è chi può andare oltre creando in questo modo uno spazio dove non si da adito alla diversità. In tal modo può essere messo in evidenza una vera e propria provocazione nei confronti del mondo della danza classica che rileva degli specifici e rigidi canoni fisici senza tener conto dell'espressività e delle emozioni che un corpo può trasmettere, sia esso magro o grasso facendo in modo che chi si sente diverso, perchè grasso, abbia comunque la possibilità di sorridere al mondo della danza.

    Cozzuto Anna
    De Lucia Roberta
    Fasulo Anna
    avatar
    giusi russo

    Messaggi : 4
    Data d'iscrizione : 10.12.10

    Re: lab. Immagini e arte

    Messaggio  giusi russo il Ven Dic 17, 2010 6:46 pm

    Diverse ma affascinanti sono le donne di Modigliani dai colli esageratamente lunghi, dai volti pallidi e i sorrisi forzati. Rappresentano la grazie e le eleganza.Gaugin invece dipingendole donne polinesiane ne ama la bellezza squadrata, senza finezze, sicura e forte, sente simpatia per la loro ingenua naturalità ... eppure il colore scuro della pelle delle Tahitina dovette rappresentare una novità per i suoi contemporanei Europei .
    Luca Giordano artista napoletano del 600 rappresenta nei suoi soggetti mitologigi donne dalle forme generose e prorompenti. La bellezza non può essere unica ha diverse sfaccttature ed è fatta di particolari che caratterizzano l'individuo.
    avatar
    tiziana capuozzo

    Messaggi : 21
    Data d'iscrizione : 09.12.10

    Re: lab. Immagini e arte

    Messaggio  tiziana capuozzo il Ven Dic 17, 2010 7:10 pm

    maria esposito ha scritto:Tra le varie immagini viste abbiamo scelto di commentare quella di Botero,perchè mette in evidenza quella che generalmente nella nostra cultura è considerata un'imperfezione di bellezza (l'obesità),a questo corpo molto grande assegna il ruolo di ballerina esempio del corpo in salute, perfetto, armonico. Questo dipinto suscita tanta gioia e dimostra come una persona riesca a comunicare le sue emozioni e il suo talento attraverso la danza nonostante non risponda ai canoni di bellezza assegnati dalla cultura di appartenenza. Quello che mi viene in mente è l'arte futurista che rompe gli schemi del classicismo e fa uso di forme geometriche, triangoli, quadrati, spigoli, che non rappresentano la perfezione (come il cerchio) ma suscitano emozioni, movimento,energia, rappresentano un altro modo di vedere le cose, con gli occhi e con la mente, cambia l'idea di bellezza legata alla perfezione.

    Maria, mi hai preceduta, ho pensato le stesse cose che hai scritto, sono stata sempre affascinata dal futurismo come corrente artistica e letteraria. Gli autori che furono protagonisti di questo movimento sono dei rivoluzionari che esaltano il progresso in tutte le sue forme,soprattutto come superamento degli stereotipi e degli schemi obsoleti che hanno regnato durante il classicismo, ovviamente tutto questo porta ad un superamento della bellezza statica e perfetta e ad un ripensamento del concetto di NORMALITA'. Tra gli autori proposti quello che maggiormente ci ha colpite è sicuramente Botero il quale rappresenta la bellezza attraverso donne che sono formose e contemporaneamente molto seduttive rompendo lo schema della donna bella perche' perfetta.
    Tornando al tema del futurismo, c'è un autore che mi è venuto subito in mente quando la prof. ci ha chiesto di nominare altri autori che non erano stati esposti da lei, il nome è Guttuso, i suoi quafri rappresentano spesso donne, spesso nude, mi è venuta subito in mente la sua opera "donne al bagno" credo sia questo il nome, non credo ci sia un'unica interpretazione ai suoi dipinti, quando l'ho proposto alle colleghe del mio gruppo, siamo state daccordo sul fatto che crediamo voglia trasmettere un ideale di donna che pur con qualche evidente difetto, riesce comunque a trasmettere seduttività e femminilità.
    avatar
    Maria Domenica Dongiacomo

    Messaggi : 26
    Data d'iscrizione : 09.12.10
    Età : 30
    Località : San Marcellino

    Re: lab. Immagini e arte

    Messaggio  Maria Domenica Dongiacomo il Ven Dic 17, 2010 11:48 pm

    Abbiamo scelto di elaborare un commento relativo al quadro "Primavera" di Botticelli. A differenza, infatti, dei dipinti di Botero, i cui soggetti sembrano manifestare la volontà dell'autore di operare una sorta di "controtendenza" o "protesta", rispetto ai modelli ideali di uomo e di donna (ad es. la ballerina grassa)Botticelli rappresenta quello che alla sua epoca era il prototipo di bellezza della donna, non magra nè proporzionata.
    Ci ha colpito in quanto volendo operare un paragone tra la Venere dipinta e il modello di donna ideale dei nostri giorni, malgrado da tale paragone emergerebbe una considerazione altamente positiva in termini di bellezza (la Venere è per chiunque oggettivamente bellissima)ella non corrisponderebbe, cmq, al canone di bellezza odierno.
    Infatti al giorno d'oggi, viviamo in una società che propone modelli standardizzati di donne magre, alte e proporzionate, qualità solo in parte riscontrabile nel dipinto.

    PADUANO ANNAPAOLA
    MIGLIACCIO LUIGI
    DONGIACOMO MARIA DOMENICA
    avatar
    Alessandra De Vita

    Messaggi : 33
    Data d'iscrizione : 15.12.10
    Età : 30

    Re: lab. Immagini e arte

    Messaggio  Alessandra De Vita il Ven Dic 17, 2010 11:50 pm

    L'opera d'arte che per noi rappresenta una forma di diversità è la ballerina alla sbarra di Botero, poichè ritrae un fatto insolito. Vedere una donna in sovrappeso che esegue esercizi alla sbarra, può sembrare ridicolo e divenire oggetto di derisione. Ancora una volta risulta valida la citazione della ballerina Simona Atzori: "I veri limiti esistono in chi ci guarda". Ogni cosa è possibile laddove la diversità viene considerata come risorsa e non come svantaggio.
    avatar
    maria carmen cangiano

    Messaggi : 12
    Data d'iscrizione : 15.12.10
    Età : 30

    Re: lab. Immagini e arte

    Messaggio  maria carmen cangiano il Sab Dic 18, 2010 9:05 am

    il quadro che mi ha colpito di più è stato quello di botero in quanto richiama il tema della obesità, senza condannarla, ma andando oltre i limiti cercando di guardare verso nuovi orizzonti e raggiungere così cose che possono sembrare impossibili, come stare sulle punte pur avendo un peso in eccesso.quindi bisogna saper accettare i propri limita guardando in alto senza arrendersi

    avatar
    ester.iorio

    Messaggi : 16
    Data d'iscrizione : 09.12.10
    Età : 31
    Località : San Cipriano d'Aversa CE

    Re: lab. Immagini e arte

    Messaggio  ester.iorio il Sab Dic 18, 2010 10:00 am

    Tra i tanti dipinti proposti, la nostra attenzione è caduta sulla ballerina di Botero...poichè osservandola ci sembra uno tra i modelli migliori per identificare la diversità anche nell'arte...
    notiamo come a differenza degli stereotipi presenti nel mondo della danza, questa idea di ballerina "grassa" superi tali ideali, superando anche la convinzione che per ballare bisogna per forza avere un corpo modellato...
    avatar
    nadia montuori

    Messaggi : 17
    Data d'iscrizione : 10.12.10

    Re: lab. Immagini e arte

    Messaggio  nadia montuori il Sab Dic 18, 2010 10:54 am

    Noi(io, Fortuna, Anna e Giulia) abbiamo focalizzato la nostra attenzione sul quadro "L'urlo" di Munch.
    Ci ricorda la diversità; rappresenta una figura umana attraverso la deformazione, coglie il senso di perdizione, paura e dipserazione mettendo in rlievo l'importanza delle emozioni piuttosto che la perfezione di un corpo umano.

    Beatrice Palmieri

    Messaggi : 10
    Data d'iscrizione : 10.12.10

    Re: lab. Immagini e arte

    Messaggio  Beatrice Palmieri il Sab Dic 18, 2010 11:07 am

    Al gruppo è venuto in mente di confrontare la Monnalisa di Botero con la Gioconda di Leonardo Da vinci .Dal confronto siamo tutte concordi sul fatto che il nostro concetto di bellezza ,in questo caso, è più vicino al modello di Botero in quanto l'immagine è più rassicurante e materna , l'altra invece è fredda ed impenetrabile.Inoltre riteniamo più femminile la Monnalisa di Botero rispetto a quella di Da Vinci.
    avatar
    altragiulia

    Messaggi : 15
    Data d'iscrizione : 11.12.10

    Re: lab. Immagini e arte

    Messaggio  altragiulia il Sab Dic 18, 2010 11:09 am

    Noi(io, Fortuna, Anna e Giulia) abbiamo focalizzato la nostra attenzione sul quadro "L'urlo" di Munch.
    Ci ricorda la diversità; rappresenta una figura umana attraverso la deformazione, coglie il senso di perdizione, paura e dipserazione mettendo in rlievo l'importanza delle emozioni piuttosto che la perfezione di un corpo umano.
    avatar
    altragiulia

    Messaggi : 15
    Data d'iscrizione : 11.12.10

    Re: lab. Immagini e arte

    Messaggio  altragiulia il Sab Dic 18, 2010 11:21 am


    la scelta del nostro gruppo è ricaduta su edvard munch.
    vorrei a questo proposito aggiungere una riflessione mia, vista soprattutto la passione che ho per questo artista.

    proprio ad ottobre ho avuto la possibilità di vedere una mostra su munch a rotterdam e in quella occasione ho percepito davvero il significato della sua pittura. munch riesce ad esprimere le angosce,i disagi esistenziali e la crisi della coscienza,mediante l'uso di colori violenti e irreali, in maniera subliminale.
    avatar
    nadia montuori

    Messaggi : 17
    Data d'iscrizione : 10.12.10

    Re: lab. Immagini e arte

    Messaggio  nadia montuori il Sab Dic 18, 2010 11:22 am

    Quando ho visto la ballerina di Botero ho sorriso e sono entrata nel mondo dei "mei ricordi".
    Ho studiato danza classica per tantissimi anni, dall 'età di 5 anni e ogni anno allegata al positivo giudizio finale c'era sempre una nota: "attenta al fisico, tende ad ingrassare"...ogni anno per 15 anni!
    E oggi ogni volta che mi chiedono: "perchè non hai continuato? perchè dopo tanti anni ti sei fermata?" io rispondo : "non ho il fisico per fare la ballerina!" Smile
    ma rispondo col sorriso perchè se il prezzo da pagare per fare quel tipo di carriera era rinunciare al mio benessere "psichico" , stare continuamente a dieta per avere un corpo che poi tutto sommato nemmeno mi piaceva, allora preferisco sia andata così.
    E sottolineo che non sono affatto grassa ma ricordo le parole della mia insegnante "come ragazza stai benissimo, ma come ballerina no, devi dimagrire ancora".
    E per un po' mi sono fatta condizionare...ho iniziato diete, massaggi, digiuni vari...ma quando ho capito che non era quello che volevo,che il mio corpo quando arrivava a 48kg (per la gioia dell'insegnante) era un ammasso di ossa e che il prezzo da pagare era troppo alto ho deciso!
    Ho continuato a danzare per puro piacere personale senza l'obiettivo di diventare una ballerina professionista.
    Purtroppo non è così per tante altre ragazze, che pur di raggiungere il loro sogno scendono a compromessi talvolta veramente pericolosi per il loro benessere.
    Purtroppo è così, è inutile prendersi in giro dicendo che le cose possono cambiare, che bisogna promuovere la cultura del corpo sano...
    Sfido chiunque a trovare una ballerina di danza classica che abbia un cm in più!
    Il quadro di Botero, purtroppo, resta solo una provocazione!


    avatar
    Del Prete Melania

    Messaggi : 16
    Data d'iscrizione : 09.12.10
    Età : 32

    Re: lab. Immagini e arte

    Messaggio  Del Prete Melania il Sab Dic 18, 2010 11:48 am

    Tra gli autori proposti dalla prof quello che ci ha maggiormente colpito è stato senz’altro Botero. Quest’ultimo è solito rappresentare la bellezza attraverso donne formose e allo stesso tempo seduttive, rompendo in qualche modo lo schema della donna bella perché perfetta. Quando poi, la prof ci ha chiesto di nominare autori diversi da quelli esposti da lei, a Tiziana, componente del gruppo di cui facevo parte è venuto immediatamente in mente Guttuso. Il dipinto proposto è “donne al bagno”. Io e le altre due componenti dopo aver riflettuto insieme a Tiziana sul dipinto in questione siamo state d’accordo nel ritenere Guttuso un artista in grado di trasmettere un ideale di donna che pur con qualche evidente difetto, riesca a trasmettere ugualmente seduttività e femminilità.

    Anna Cozzuto

    Messaggi : 28
    Data d'iscrizione : 15.12.10

    Re: lab. Immagini e arte

    Messaggio  Anna Cozzuto il Sab Dic 18, 2010 3:36 pm

    Il quadro che ci ha colpito è stato quello di Botero "La Ballerina alla sbarra". Il pensiero immediato è stato quello di cercare di andare oltre ai limiti che impone la danza classica. Quest'ultima ha sempre evidenziato degli ostacoli oltre ai quali non bisogna andare. Ci piace pensare che il quadro porti il messaggio che anche se la danza pone questi limiti c'è chi può andare oltre creando in questo modo uno spazio dove non si da adito alla diversità. In tal modo può essere messo in evidenza una vera e propria provocazione nei confronti del mondo della danza classica che rileva degli specifici e rigidi canoni fisici senza tener conto dell'espressività e delle emozioni che un corpo può trasmettere, sia esso magro o grasso facendo in modo che chi si sente diverso, perchè grasso, abbia comunque la possibilità di sorridere al mondo della danza.

    Cozzuto Anna
    De Lucia Roberta
    Fasulo Anna
    Cangiano Maria Carmen
    avatar
    Silvia Nardi

    Messaggi : 46
    Data d'iscrizione : 09.12.10

    Re: lab. Immagini e arte

    Messaggio  Silvia Nardi il Sab Dic 18, 2010 4:38 pm

    "L'insegnamento accademico sulla bellezza è sbagliato. Siamo stati ingannati, ma ingannati così bene che non riusciamo più persino a trovare l'ombra della bellezza. La bellezza del Partenone, delle Veneri, delle Ninfee sono tutte menzogne. L'arte non è l'applicazione di un canone di bellezza, è ciò che l'istinto e il cervello possono concepire indipendentemente dal canone. Quando ami una donna, non usi strumenti per misurare le sue forme, la ami con i tuoi desideri, e tuttavia si è fatto tutto il possibile per introdurre il canone persino in amore."

    Pablo Picasso, 1936

    avatar
    Tonia Falanga

    Messaggi : 11
    Data d'iscrizione : 10.12.10
    Età : 30
    Località : napoli

    Re: lab. Immagini e arte

    Messaggio  Tonia Falanga il Sab Dic 18, 2010 5:41 pm

    Tra i vari artisti che ci sono stati proposti abbiamo scelto Pablo Picasso poichè incarna perfettamente l'idea di diversità in un'epoca in cui i canoni della bellezza erano la sinuosità e la sensualità. Picasso ,invece , evidenzia e deforma ogni parte del corpo, in particolare il viso , e in questo modo esprime il suo concetto di bellezza.La sua scelta nasce anche dal bisogno di trasmettere nelle sue opere i sentimenti piuttosto che la fisicità ,è importante dire che ancora oggi molte donne spagnole tendono a seguire il suo ideale di bellezza.
    avatar
    giovanna arpaia

    Messaggi : 16
    Data d'iscrizione : 10.12.10
    Età : 48
    Località : Ottaviano (NA)

    Re: lab. Immagini e arte

    Messaggio  giovanna arpaia il Sab Dic 18, 2010 5:54 pm

    Question Exclamation Exclamation Question beh l'immagine più significativa per me è stata la ballerina di Botero, che con la sua leggiadria, armonia mi fa sorridere, e non ridere (preciso!!!!) perchè va oltre gli attuali canoni di bellezza, e ciò significa che anche "grasso è bello!!!", oggi non è facile accettare e farsi accettare se si ha un problema di obesità, in quanto la società ci vuole tutti magri e belli. Ma al di là di ciò l'essere grassi pone un serio problema, quello della salute, che è più importante della bellezza. Quindi bisogna educare le persone fin da piccoli alla salute e non ad altro.
    avatar
    dongiacomo vittoria

    Messaggi : 19
    Data d'iscrizione : 11.12.10
    Età : 30
    Località : san marcellino

    Re: lab. Immagini e arte

    Messaggio  dongiacomo vittoria il Sab Dic 18, 2010 6:12 pm

    in aula nella scorsa lezione ci sono state proposte delle immagini da commentare, io prima d'ora non avevo mai visto questo ritratto, parlo della ballerina di Botero.In quest'opera è rappresentata una ballerina alla sbarra, durante una lezione di danza classica. Noi tutti ci aspetteremmo un corpo esile,aggraziato; e invece ci troviamo davanti agli occhi una ballerina buffa e grassoccia, si tratta di un'ambiente dove anche un chilo di troppo viene visto come un problema irrisolvibile infatti sono noti i casi di anoressia e bulimia in ambienti dello spettacolo.
    la società attuale impone dei canoni , degli stereotipi, lo si puo' notare dalle migliaia di immagini televisive e cinematografiche,si puo', ma anche pubblicitarie.. messaggi del genere dovrebbero essere resi piu' noti perchè si puo' essere aggraziati, belli ed espressivi anche con dei chili in piu'.
    avatar
    clementina spiaggia

    Messaggi : 20
    Data d'iscrizione : 10.12.10

    Re: lab. Immagini e arte

    Messaggio  clementina spiaggia il Sab Dic 18, 2010 6:41 pm

    tra le varie immagini viste abbiamo deciso di commentare botero perche oggi purtroppo molte ragazze vogliono essere magre a tutti i costi...la televisione ormai pubblicizza modelle e donne sempre piu magre..anoressiche,trasmettendo uno stereotipo di bellezza sbagliato...ma chi l ha detto che per essere belle bisogna essere magre???

    maria d'elia

    Messaggi : 35
    Data d'iscrizione : 09.12.10
    Località : visciano

    lab.immagine e arte

    Messaggio  maria d'elia il Sab Dic 18, 2010 9:19 pm

    Tra i dipinti proposti in aula l'attenzione del nostro gruppo è caduta sul quadro della "ballerina alle sbarre " di botero vedendola l'istinto è stato quello del sorriso .Ma tale quadro mette in evidenza un 'imperfezione di bellezza :l'obesità .Di solito alla ballerina si assegna un ruolo che generalmente è esempio del corpo visto come salute ,perfezione e armonia .ma con esso si ha una sorte di controtendenza o protesta rispetto ai modelli di uomo e di donna .Anche una persona obesa riesce a comunicare e a trasmettere emozioni anche se il proprio corpo non risponde ai canoni di bellezza .Ma poi quali sono questi canoni di bellezza ? chi li decide ? in base a cosa?
    Secondo me la perfezione non esiste , tutto è possibile basta guardare le imperfezioni come un vantaggio e non come uno svantaggio.

    maria d'elia

    Messaggi : 35
    Data d'iscrizione : 09.12.10
    Località : visciano

    lab.immagine e arte

    Messaggio  maria d'elia il Sab Dic 18, 2010 9:23 pm

    tiziana capuozzo ha scritto:
    maria esposito ha scritto:Tra le varie immagini viste abbiamo scelto di commentare quella di Botero,perchè mette in evidenza quella che generalmente nella nostra cultura è considerata un'imperfezione di bellezza (l'obesità),a questo corpo molto grande assegna il ruolo di ballerina esempio del corpo in salute, perfetto, armonico. Questo dipinto suscita tanta gioia e dimostra come una persona riesca a comunicare le sue emozioni e il suo talento attraverso la danza nonostante non risponda ai canoni di bellezza assegnati dalla cultura di appartenenza. Quello che mi viene in mente è l'arte futurista che rompe gli schemi del classicismo e fa uso di forme geometriche, triangoli, quadrati, spigoli, che non rappresentano la perfezione (come il cerchio) ma suscitano emozioni, movimento,energia, rappresentano un altro modo di vedere le cose, con gli occhi e con la mente, cambia l'idea di bellezza legata alla perfezione.

    Maria, mi hai preceduta, ho pensato le stesse cose che hai scritto, sono stata sempre affascinata dal futurismo come corrente artistica e letteraria. Gli autori che furono protagonisti di questo movimento sono dei rivoluzionari che esaltano il progresso in tutte le sue forme,soprattutto come superamento degli stereotipi e degli schemi obsoleti che hanno regnato durante il classicismo, ovviamente tutto questo porta ad un superamento della bellezza statica e perfetta e ad un ripensamento del concetto di NORMALITA'. Tra gli autori proposti quello che maggiormente ci ha colpite è sicuramente Botero il quale rappresenta la bellezza attraverso donne che sono formose e contemporaneamente molto seduttive rompendo lo schema della donna bella perche' perfetta.
    Tornando al tema del futurismo, c'è un autore che mi è venuto subito in mente quando la prof. ci ha chiesto di nominare altri autori che non erano stati esposti da lei, il nome è Guttuso, i suoi quafri rappresentano spesso donne, spesso nude, mi è venuta subito in mente la sua opera "donne al bagno" credo sia questo il nome, non credo ci sia un'unica interpretazione ai suoi dipinti, quando l'ho proposto alle colleghe del mio gruppo, siamo state daccordo sul fatto che crediamo voglia trasmettere un ideale di donna che pur con qualche evidente difetto, riesce comunque a trasmettere seduttività e femminilità.

    sono pienamente daccordo con i vostri pensieri e ciò che penso pure io .
    avatar
    Maria Domenica Dongiacomo

    Messaggi : 26
    Data d'iscrizione : 09.12.10
    Età : 30
    Località : San Marcellino

    Re: lab. Immagini e arte

    Messaggio  Maria Domenica Dongiacomo il Sab Dic 18, 2010 11:26 pm

    nadia montuori ha scritto:Quando ho visto la ballerina di Botero ho sorriso e sono entrata nel mondo dei "mei ricordi".
    Ho studiato danza classica per tantissimi anni, dall 'età di 5 anni e ogni anno allegata al positivo giudizio finale c'era sempre una nota: "attenta al fisico, tende ad ingrassare"...ogni anno per 15 anni!
    E oggi ogni volta che mi chiedono: "perchè non hai continuato? perchè dopo tanti anni ti sei fermata?" io rispondo : "non ho il fisico per fare la ballerina!" Smile
    ma rispondo col sorriso perchè se il prezzo da pagare per fare quel tipo di carriera era rinunciare al mio benessere "psichico" , stare continuamente a dieta per avere un corpo che poi tutto sommato nemmeno mi piaceva, allora preferisco sia andata così.
    E sottolineo che non sono affatto grassa ma ricordo le parole della mia insegnante "come ragazza stai benissimo, ma come ballerina no, devi dimagrire ancora".
    E per un po' mi sono fatta condizionare...ho iniziato diete, massaggi, digiuni vari...ma quando ho capito che non era quello che volevo,che il mio corpo quando arrivava a 48kg (per la gioia dell'insegnante) era un ammasso di ossa e che il prezzo da pagare era troppo alto ho deciso!
    Ho continuato a danzare per puro piacere personale senza l'obiettivo di diventare una ballerina professionista.
    Purtroppo non è così per tante altre ragazze, che pur di raggiungere il loro sogno scendono a compromessi talvolta veramente pericolosi per il loro benessere.
    Purtroppo è così, è inutile prendersi in giro dicendo che le cose possono cambiare, che bisogna promuovere la cultura del corpo sano...
    Sfido chiunque a trovare una ballerina di danza classica che abbia un cm in più!
    Il quadro di Botero, purtroppo, resta solo una provocazione!





    è quello ke dicevo anke io... Nella danza le ballerine si vedono sempre obese quando poi sono magrissime, xke si ha la convinzione ke la ballerina deve essere tutta ossa... un fisico senza forme!!

    Contenuto sponsorizzato

    Re: lab. Immagini e arte

    Messaggio  Contenuto sponsorizzato


      La data/ora di oggi è Lun Dic 10, 2018 11:27 am